Masseria Papone - Come scegliere l'olio extravergine di oliva

Come scegliere l’olio extravergine di oliva

Scegliere l’olio extravergine di oliva è davvero così semplice? Quali sono i parametri per identificare un prodotto di qualità e distinguerlo da oli frutto di sofisticazioni, miscelazioni e altre truffe alimentari? 

Su questo argomento ci sono tante opinioni anche se purtroppo la maggior parte dei consumatori sceglie esclusivamente la bottiglia di olio al prezzo più basso. O peggio ancora l’acquisto è del tutto inconsapevole e guidato dal caso e dall’ignoranza.

Tracciabilità dell’olio per un acquisto consapevole di quello che si porta a tavola

La prima cosa da verificare è il luogo di provenienza delle olive. Non sempre il luogo di produzione dell’olio coincide con il luogo di coltivazione delle olive. Spesso, sopratutto le grandi aziende, confezionano l’olio in Italia ma le olive provengono dal nord Africa, Grecia o Spagna. Ci sono in rete servizi di inchiesta giornalistica che mostrano semilavorati che viaggiano in container tramite nave per raggiungere le coste italiane ed essere qui imbottigliate.

Un altra cosa molto importante è l’anno di raccolta delle olive. L’olio extravergine di oliva non ha una scadenza ma, con il passare del tempo, il sapore e le proprietà benefiche si affievoliscono. Non tutti riportano in etichetta l’anno di raccolta, molto spesso viene indicata solo la data entro cui l’olio va consumato. Non è un bel segnale, diffidate da queste bottiglie, preferite chi vi da la massima trasparenza in etichetta.

Terzo aspetto da considerare è la varietà dell’oliva utilizzata. Come per il vino ci sono olii monovarietali e blend. Le varietà sono molteplici e ogni varietà ha un gusto diverso e si abbina più o meno felicemente con le diverse tipologie di cibo. L’olio extravergine di oliva Masseria Papone è un monovarietale ogliarola garganica. Altre varietà presenti sul mercato sono: frantoio, taggiasca, leccino, moraiolo, coratina, perenzana, biancolilla, cerasuola, nocellara del belice.  

Packaging dell’olio extravergine di oliva

Scegliere l’olio extravergine di oliva significa anche far attenzione al packaging. L’olio extravergine si conserva meglio in bottiglie di vetro dal colore scuro che filtra la luce e evita l’ossidazione dell’olio o nelle pratiche lattine. Sia sulle bottiglie che sulle lattine deve esserci un’etichetta chiara che riporta tutte le informazioni per fare una scelta consapevole.

Per ricapitolare, cosa guardare nella scelta di un buon olio extravergine di oliva:

  1. luogo di provenienza delle olive (e non solo dove sono state macinate);
  2. anno di raccolta delle olive (e non solo la data di scadenza);
  3. varietà delle olive;
  4. packaging (bottiglie scure)

L’olio extravergine di oliva Masseria Papone si impegna a rispettare tutte queste regole. Sulle etichette delle nostre bottiglie e lattine di olio troverete sempre tutte le informazioni utili ad orientarvi sul prodotto che avete acquistato. Sul nostro sito web inoltre pubblicheremo di anno in anno le analisi chimiche del nostro olio.

E voi cosa guardate quando dovere scegliere un olio extravergine di oliva?

Se volete acquistare olio extravergine di oliva pugliese direttamente dal produttore, accedi al nostro catalogo:

scelta miglior olio evo

Lascia un commento

Chiudi il menu
×

Carrello

× Assistenza Whatsapp!